Save the date!


Attenzione al dettaglio, Make sense, Visione sistemica, Change Management, Premium Planner, Qualità della presenza

27 Set 2019

Creare engagement con un evento può essere un lavoro impegnativo, bisogna pensare a tutto nel dettaglio e prevedere ogni singolo imprevisto. Può essere anche un lavoro molto divertente e creativo, richiede tutta la nostra capacità organizzativa e la concentrazione necessaria per aver chiaro in mente l’obiettivo da raggiungere.
E tu, verrai?

1. Branding: Ogni evento va pensato tenendo ben in mente il cliente destinatario. Bisogna rispettare le sue logiche, i suoi valori, il messaggio che desidera trasmettere. Prima di agire, è necessario avere una visione ampia su tutte le sue richieste. Il branding è fondamentale per promuovere l’immagine del cliente ed incentivare la brand loyalty. 

2. Save the date: Non bisogna sottovalutare l’importanza di un invito fatto come si deve. Il Save the date richiede una buona dose di creatività per attirare sia a livello visivo sia testuale chi lo riceverà. Accattivante, ironico, formale, non solo bisogna sceglierne il tono, ma è importante che contenga tutte le informazioni indispensabili per partecipare all’evento e che permetta di confermare la propria presenza nel modo più semplice.

3. Customization: La customizzazione di un servizio viene spesso associata alla personalizzazione dello stesso. In realtà è un processo un po’ più elaborato. Mentre la personalizzazione prevede che si conoscano a priori i gusti dei propri clienti in base alle informazioni acquisite, la customizzazione propone al cliente diverse soluzioni in merito ad un servizio/prodotto, spesso elaborandole fianco a fianco. Fornire una scelta, modificare il prodotto in base alle richieste sempre diverse del cliente, dà quel valore aggiunto che solo un’accurata attenzione al dettaglio può garantire.

4. Location: La scelta della location richiede uno studio della “sceneggiatura” che si vuole dare all’evento. In base alle richieste del cliente e secondo il mood scelto, bisogna pensare allo scenario più adatto in cui far nascere e svolgere l’evento. La location giusta crea la giusta atmosfera, che si tratti di un’aula di formazione o di una cena informale, bisogna trovare un luogo che sappia raccontare da solo il messaggio da trasmettere ai partecipanti.

5. Gadget: Funzionale, colorato, bizzarro. Di qualsiasi genere sia il gadget scelto, il suo scopo è far sì che chi parteciperà all’evento lo ricordi anche dopo che quest’ultimo è terminato. Deve perciò seguire tutte le logiche e le linee di stile seguite per organizzare il resto. Se scelto con cura potrà lasciare un segno, farà sentire speciale chi lo riceverà, come il regalo pensato di un caro amico.

6. Enjoy: Non dimenticate che, ad un certo punto dell’evento, soddisfatti del lavoro svolto, anche voi potrete rilassarvi e divertirvi!!!

related articles